Protocollo CeNSU – INU

 

 

 

 

 

 

INIZIATIVE IN MATERIA DI GOVERNO DEL TERRITORIO

L’Istituto Nazionale di Urbanistica (INU) e il Centro Nazionale Studi Urbanistici (CeNSU) intendono perseguire, in forza della condivisione di interessi comuni, iniziative in materia di governo del territorio, di pianificazione delle città e dell’area vasta.
Nel suo ultimo Congresso l’INU (“Città come motore dello sviluppo del Paese”, svoltosi a Salerno, 24/26 ottobre 2013) ha individuato tre importanti temi dai quali far ripartire il dibattito:

  • La rigenerazione urbana come resilienza;
  • Quale forma di piano e i nuovi compiti della pianificazione;
  • Le risorse per il governo del territorio, la città pubblica e il welfare urbano.

A partire da questi temi l’Istituto è impegnato, nel corso dei prossimi anni e sino allo svolgimento del prossimo congresso, a svolgere la propria attività, in collaborazione con le associazioni e gli enti coinvolti nei temi riguardanti il governo del territorio, per confrontare le diverse opinioni e perseguire momenti di dibattito e di costruzione di una cultura del territorio condivisa tra i diversi soggetti e da portare al dibattito politico nazionale.

Il CeNSU ha come finalità l’incremento dell’interesse agli studi urbanistici, promuovendo iniziative culturali, di informazione e di aggiornamento e la collaborazione con le varie Associazioni e gli Enti Pubblici che curano, sia in sede di studio che di attuazione, la soluzione di questioni urbanistiche. I temi su cui in particolare il Centro Studi è impegnato in questi anni sono:

  • la rigenerazione urbana, la sostenibilità e l’efficienza energetica;
  • la perequazione urbana e territoriale;
  • la valutazione ambientale strategica, il contenimento del consumo del suolo, la sua difesa e la città sicura;
  • la mobilità, le infrastrutture e il paesaggio.

Su questa base si potrebbero avviare alcuni momenti di incontro tra i due soggetti per trattare importanti elementi innovativi della pianificazione all’interno dell’attuale quadro politico e amministrativo fortemente in divenire, la cui velocità di trasformazione è legata a scelte politiche solo parzialmente sensibili a una elaborazione disciplinare. Sviluppare il dibattito condiviso può rappresentare un importante momento culturale capace di favorire e orientare il governo del territorio nelle diverse aree locali, pur nella necessaria condivisione di obiettivi di livello nazionale.
Su questi temi l’INU e il CeNSU si impegnano a realizzare opportune iniziative capaci di far crescere la consapevolezza dei problemi e costruire percorsi per ricercare soluzioni innovative da portare all’attenzione nazionale e regionale dei soggetti impegnati nel governo del territorio.
Il dibattito in corso impone un’attenzione delle forze intellettuali e tecniche impegnate nel rinnovamento della professione e della formazione culturale in grado di realizzare modalità nuove per affrontare il governo del territorio nei prossimi anni e nei diversi contesti nazionali. Anche il contesto internazionale impone una riflessione in grado di far uscire dai nostri confini l’attuale dibattito al fine di affrontare al meglio, secondo quanto indicato dai documenti dell’Unione Europea, i problemi legati alla coesione territoriale, allo scenario policentrico e alla partecipazione e alla co-pianificazione.
L’INU e il CeNSU si rendono disponibili a collaborare anche nella propria azione di formazione permanente, a livello nazionale e regionale, sui temi riguardanti i contenuti del presente protocollo, al fine di valorizzare i diversi saperi che contribuiscono alla cultura urbanistica.
L’INU e il CeNSU si impegnano inoltre a far convergere i risultati conseguiti, nell’ambito delle attività di cui ai predetti impegni, in una iniziativa editoriale (da attuare mediante INU Edizioni) in grado di farli conoscere e diffondere ai propri iscritti.
Istituto Nazionale di Urbanistica

Il Presidente

Arch. Silvia Viviani

 

Centro Nazionale Studi Urbanistici

Il Presidente

Prof. Ing. Maurizio Tira
Roma, 11 settembre 2014

 

Scarica il protocollo in pdf