Marco Colombo: “Per una gestione sostenibile” da Il Giornale dell’Ingegnere

0
19
Censu - Immagine in evidenza 3
Censu - Immagine in evidenza 3

Estratto dal num. 4/2018

PER UNA GESTIONE SOSTENIBILE

di Marco Colombo

La Tecnica Urbanistica si dimostra sempre più una disciplina complessa, vista la difficoltà e l’eterogeneità dei problemi che vanno affrontati e risolti per una corretta pianificazione del territorio. Il disegno del territorio non è più la semplice progettazione su scala più ampia di una espansione edilizia, unitamente a delle norme regolatrici finalizzate a definire i paletti entro cui operare, né tanto meno può diventare l’interpretazione grafica di un pensiero culturale sociologico. L’acqua è proprio una di quelle variabili, certamente di non poco conto, che deve essere al centro di una gestione sostenibile del territorio. Valutare le interazioni fra l’esigenza di infrastrutture e la tutela del territorio è oramai compito principale nell’attività di pianificazione. Un “piano regolatore” è la soluzione alla complessità delle variabili, è un sistema organizzativo di piccola e di grande scala declinato attraverso un linguaggio tecnico.
È quello che, in estrema sintesi, è emerso durante i lavori del Congresso annuale del CeNSU tenutosi a Torino lo scorso 20 aprile. I relatori via via succedutisi hanno illustrato alla platea i risultati di varie ricerche, nonché molteplici esperienze progettuali, dimostrando come l’ingegneria, o meglio la capacità dell’ingegnere, rivesta un ruolo fondamentale nell’attività di pianificazione.
E su questo tema una riflessione è doverosa. L’urbanistica è una materia per Ingegneri. Occorre ribadirlo sempre. Il territorio è un sistema complesso e l’ingegnere
per sua natura risolve problemi complessi. I Politecnici e i Dipartimenti d’Ingegneria non devono rinunciare alla formazione in Urbanistica, pensando solo all’ingegnere come un tecnico settoriale. I nuovi professionisti dovranno sempre più in futuro leggere, interpretare e redigere strumenti di pianificazione, che saranno un insieme interconnesso di architettura, geotecnica, viabilità, idraulica, paesaggio, etc. e perchè no anche di Diritto. Il dibattito finale, pur nella sua brevità non ha mancato
di fornire ulteriori spunti di riflessione compreso qualche provocazione. È di tutta evidenza come solo una parte dell’Italia abbia affrontato da tempo, e forse in parte risolto con adeguati strumenti e con uffici strutturati, il tema della gestione delle acque. Così come il tema delle città “resilienti” resta ancora aperto. Infatti si tende ancora a intervenire a valle con grandi opere, si veda gli argini ad esempio, spostando l’onere dell’intervento a carico della collettività, quando basterebbe adottare a monte adeguati accorgimenti. Il futuro è ancora tutto da scrivere e il CeNSU, proseguendo l’intesa attività di divulgazione della cultura urbanistica già in essere, rinvia al 2020 l’appuntamento su questi temi, eleggendo simbolicamente Torino la città “dell’Acqua”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome